LA LEGGENDA MITOLOGICA DI AFRODITE, FOTO DI CARMINE A 20 ANNI, IL PASSATO DEL CUORE

LA LEGGENDA MITOLOGICA DI AFRODITE.
A cura del dott. Carmine Correale.
Afrodite, la dea della bellezza e dell’amore, che i romani identificarono con Venere, era, secondo Omero, figlia di Zeus e della ninfa Dione; invece, secondo Esiodo, era nata in primavera dalla spuma del mare fecondata dai genitali di Urano che Cronos aveva scagliato in mare dopo la ribellione contro il padre.
Afrodite, dal greco afros, la spuma, aveva anche l’appellativo di Urania, perché ancora figlia del Cielo.
Appena emerse dalle onde, su una conchiglia di madreperla, Zefiro l’aveva spinta sulla riva dell’isola di Cipro, da qui gli appellativi di Anadiomene, l’emersa, e di Ciprigna.
Appena la dea mosse i primi passi sulla spiaggia, i fiori sbocciarono sotto i suoi piedi, e subito le vennero incontro le Ore, le Cariti, Peito, la persuasione, Potos, il desiderio, Himeros, il la brama, per accoglierla, onorarla e servirla.
La vestirono con un vestito bellissimo e una cintura, le misero boccole d’oro e di gemme alle orecchie, braccialetti ai polsi e una collana splendente al collo.
Dal cielo arrivò un carro di gemme, tirato da due colombe, la dea vi salì e fu così assunta in Cielo. Zeus la diede in moglie ad Hefesto; ma la sua idea non fu delle più felici; non si può unire in matrimonio la dea più bella con il dio più brutto.
Afrodite veniva rappresentata nel fiore della sua giovinezza, avvenente, graziosa, tutta ingioiellata e sorridente. Il suo volto era ovale, delicato e gentile; i suoi occhi grandi, tremuli, avevano uno sguardo soave e languido che ispiravano tanta dolcezza.
Sopra il vestito portava una cintura magica, dove erano raccolti tutti i vezzi, le grazie, il sorriso che promette ogni gioia, i teneri dialoghi degli innamorati, i sospiri che persuadono e il silenzio espressivo.
Erano sacri ad Afrodite: tra le piante, il mirto, la rosa, il melo, il papavero; tra gli animali, il passero, la lepre, il cigno, il delfino e soprattutto la colomba.
Dalle sue varie unioni ebbe alcuni figli, dal troiano Anchise ebbe Enea; dal dio Dioniso ebbe Imene, il dio delle feste nuziali; da Ares ebbe due figli terribili, Eros, amore, e Anteros.
I poeti greci raccontano che quando Afrodite ebbe Eros, si lamentò con la dea Temi perchè il figlio non crescesse; Temi le rispose che il bambino non sarebbe cresciuto finchè non avesse avuto un fratello.
Allora Afrodite diede vita ad Anteros che significa “colui che ricambia l’amore”; così i poeti con questa graziosa leggenda hanno voluto dire che l’amore, per poter crescere, deve essere ricambiato.
Presentazione del dott. Carmine Correale (Poeta, scrittore e saggista). Grazie.

foto di Daniela Gaudino.
Carmine Correale ha condiviso la sua foto.

Nostalgico passato, sacrificio e amore per la cultura, arte e poesia, La mia forza!.

foto di Carmine Correale.

Carmine Correale

Carmine Correale quando aveva 20 anni.

Carmine Correale ha condiviso un link.

6 luglio · CC.it ·

Nuovo pensiero poetico e poesia “Il passato del cuore”, ispirata dai tempi passati nella cittadina alpina di Malles Venosta (BZ) durante la giovinezza.
CARMINE-CORREALE.IT

Speak Your Mind

*